Missili Gheddafi

Un protagonista inaspettato.

Bastano poche date per riassumere la storia di Lampedusa. Tra queste date, il 15 aprile 1986 non è da dimenticare. Quel giorno, alle 14, due missili Scud spediti dal colonnello libico Gheddafi caddero in mare dinnanzi all'isola scelta come obiettivo per la ritorsione al precedente bombardamento aereo di Tripoli condotto dagli statunitensi: Lampedusa, per il dittatore libico, era colpevole di ospitare a Capo Ponente una base militare Nato con un potente centro radar e di telecomunicazioni. Per fortuna, i due missili non ebbero una gittata sufficiente a colpire l'obiettivo, e fecero forse soltanto strage di pesci. Ma Lampedusa ebbe l'onore delle prime pagine dei giornali e le squadre televisive portarono le sue immagini in tutto il mondo. Il colonnello Gheddafi divenne, senza volerlo, il più importante propagandista della piccola isola: da quel giorno infatti Lampedusa, sino allora meta preferita di pochi privilegiati, soprattutto appassionati di pesca subacquea, conobbe un insperato rilancio turistico che si è poi confermato e incrementato in questi ultimi anni.




Primi Sui Motori